ELBAVIDEO youtube






La Schiaccia Briaca

Nella tradizione dei piatti tipici elbani non mancano certamente i dolci, freschi o secchi vengono preparati con ingredienti semplici che riportano ai sapori e gli odori delle feste di paese di un tempo.

La schiaccia briaca è sicuramente il dolce più famoso dell’Isola d’Elba. Tutti i turisti prima di lasciare l’isola ne acquistano almeno una in ricordo dei bei giorni trascorsi e per far assaggiare un prodotto tipico e facilmente conservabile.

Molto probabilmente la schiaccia briaca nasce come pane azzimo che i marinai, soprattutto delle zone di Rio Marina, si portavano a bordo perché durava molto nel tempo. In origine era una focaccia semplice composta da farina, frutta secca, olio d’oliva e veniva addolcita con il miele. Nel tardo Ottocento, quando lo zucchero divenne più a buon mercato sostituì il miele, fu “imbriacata” con il moscato e fu aggiunto l’alchermes di Firenze, il rosolio in voga in quel periodo. Questi nobili ingredienti che vennero aggiunti fecero si che la schiaccia briaca divenisse un dolce tipico e tradizionale delle feste.

 

Ricetta

Ingredienti: Un kg di farina, una noce di lievito di birra, 500g di zucchero, 3 o 4 etti di frutta secca tritata ( mandorle, noci, nocciole e pinoli ), 150g di uvetta sultanina, un bicchierino di alchermes, un bicchiere e mezzo di vino aleatico, un bicchiere e mezzo di olio extravergine,

Predisponete, la sera precedente,  l’impasto con acqua,500 g di farina, il panetto di lievito ed un pizzico di sale, mettete in ammollo l’uvetta passita.

La mattina seguente aggiungete a questo impasto lievitato l’uvetta che avevate tenuto in ammollo, l’aleatico, l’alchermes, l’olio e la frutta secca. Impastate il tutto aggiungendo la restante farina. Prendete una teglia capiente, foderatela con la carta da forno, versate il lavorato nella teglia e  cospargetelo di pinoli, poi infornate alla temperatura di 220° per 50 minuti. Questo dolce si  mantiene per molti giorni.